Cani in auto regole e suggerimenti

by Mirco Di Marcello

Se nel precedente post abbiamo visto cosa fare per il cane che soffre il mal d’auto, oggi parleremo di cani in auto regole e suggerimenti per il loro trasporto.

La decisione di prendere un cucciolo in casa, è arrivata in concomitanza con l’acquisto della nuova auto! Immaginerete il pensiero di dover caricare il pelosetto sulla nuova arrivata senza che la devasti!

Ebbene, in realtà oggi ci sono molti articoli che ci aiutano a trasportare un cane. Ma iniziamo dalla legge.

Cani in auto regole in base alla legge

Eh sì, perché il codice stradale ha una legge apposita per il trasporto dei cani.

Più precisamente parliamo dell’articolo 169 del Codice della Strada. Esso consente trasportare liberamente in auto un un animale a patto che siano messi in sicurezza in uno di questi modi:

  • nell’apposito trasportino
  • in una gabbia
  • nel sedile posteriore con l’apposita cintura e rete di protezione
  • nel vano posteriore

E’ fondamentale infatti che l’animale non abbia possibilità di accedere alla zona del conducente. Le sanzioni possono variare dalle 70€ alle 300€ circa.

Vediamo allora come trasportare il cane in auto.

Lasciaci un commento e seguici anche sulla nostra Pagina Facebook e Instagram

Iscriviti anche al nostro canale Telegram Cuccioli&Crocchette

Trasportino

trasportino cane auto

Il trasportino è sicuramente uno dei primi mezzi ed il più efficace per trasportare il cane in auto. Come abbiamo visto però nell’articolo sul mal d’auto cani, bisogna prima che si abitui a questo modo di viaggiare e, soprattutto, bisogna avere un cane trasportabile con questo mezzo.

Anche il trasportino, naturalmente, va ben fissato al sedile per evitare che, in caso di incidente, possa volare via.

Cintura di sicurezza per cani in auto

cinta di sicurezza cane auto

Un’altro mezzo efficace è la cintura di sicurezza per cani: è un gancio che si attacca da un capo al collare o alla pettorina del cane e dall’altro a quello della cintura auto.

Esse permettono al cane di essere libero ma non muoversi più di tanto all’interno dell’auto. Esistono di diverse taglie in base alla grandezza del cane.

Rete divisoria per auto

rete divisoria di sicurezza per cani in auto

La rete divisoria per cani permette al nostro cane di rimanere nel suo spazio distinto all’interno dell’auto, impedendogli di disturbare il conducente. E’ comunque consigliato usare la cintura anche in questo caso.

La mia esperienza personale

Coprisedile auto cani

Visto l’acquisto della nuova auto, mi sono documentato per proteggere i sedili dell’auto dal trasporto del cane e al tempo stesso trasportare il nostro Chicco in tutta sicurezza.

Il mio acquisto è ricaduto sul coprisedile auto per cani, un prodotto che ho trovato veramente ottimo.

Una comoda e pratica valigetta fa da contenitore a tutto il kit.

Io, avendo una Nissan Qashqai ho optato per il modello per sedile posteriore. E’ possibile altrimenti scegliere quello per il bagagliaio.

Il materiale è ottimo, robusto e resistente. Si monta in pochissimi minuti, davvero semplicissimo.

Due cose ho apprezzato: le due cinture per cani (per chi ha due animali è ideale, ma anche per chi ne ha solo uno, può averne una di riserva o per una seconda auto) e le fessure per l’aggancio delle cinte alla clip di sicurezza dell’auto. Questa cosa non è scontata visto che molti modelli in circolazione non le hanno!

Il nostro cane si è subito sentito a suo agio, non costretto a dover stare nel trasportino.

Comode le due tasche porta oggetto per una borraccia, un guinzaglio, cibo o giocattoli.

La rete che da verso il conducente permette al cane di vedere la presenza del padrone e tranquillizzarlo.

Assolutamente soddisfattissimo! Un ottimo acquisto a prezzo super competitivo.

Puoi acquistarlo su Amazon.

Se abbiamo più di un cane da trasportare in auto, in base al codice stradale vanno tenuti in una apposita gabbia o nel vano posteriore con una rete divisoria.

Se rete e gabbie sono posizionate in modo permanente nel nostro veicolo, devono essere omologate e autorizzate dall’ufficio provinciale della Direzione generale della Motorizzazione Civile.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento