Come abituare il cane al guinzaglio in 3 step

by Mirco Di Marcello

Se hai un cucciolo dovrai presto scoprire come abituare il cane al guinzaglio. Basta educarlo un po’ e ti semplificherai di molto la vita!

Se il cane al guinzaglio tira o si ferma quando lo porti a passeggio è semplicemente perché non è stato ancora educato. Come abituare il cane al guinzaglio? Continua la lettura per scoprirlo.

E’ una delle domande più frequenti che poniamo ad addestratori, allevatori e veterinari. Il segreto sta nell’educazione, da effettuare con un po’ di pazienza.

Abituare il cane al guinzaglio renderà la vita più facile sia a noi, evitandoci di portare in giro un giocattolo o di andare al traino, sia al nostro cucciolo che sarà felice di seguirci senza esser costretto a farlo.

Lo scopo dell’addestramento è insegnare al cane a camminare a fianco a te.

Sebbene non esista una legge che ci obbliga a tenere il cane al guinzaglio, è bene farlo abituare perché, comunque, ci sono sanzioni per eventuali danni a cose e persone.

Vediamo insieme le fasi che ci porteranno a rendere le nostre passeggiate migliori.

Lasciaci un commento e seguici anche sulla nostra Pagina Facebook e Instagram

Iscriviti anche al nostro canale Telegram Cuccioli&Crocchette

Abituare il cane al collare

Che si abbia un cucciolo o un cane già adulto, la prima cosa da fare è aiutarlo ad abituarsi al collare. E’ vero che molti preferiscono la pettorina per andare a passeggio, ma il collare è sempre da mettere, anche solo per fagli portare al collo una medaglietta con un recapito telefonico in caso di smarrimento.

Scegli bene il collare adatto per il tuo cane.

Munisciti innanzitutto di premietti, ne avrai bisogno per motivarlo e premiarlo.

Comincia a mettergli il collare quando lo porti fuori, quando lo porti in auto, a passeggio. Assocerà questa operazione ad un momento di divertimento.

I primi periodi potrebbe avete fastidio e tenterà di rimuoverlo con le zampe: distrailo con delle crocchette.

Abituare il cucciolo ad andare al guinzaglio

Una volta abituatosi al collare, aggancia il guinzaglio o mettigli la pettorina con guinzaglio.

In questa prima fase è preferibile un guinzaglio non estensibile, ti darà maggiore controllo.

Prova ora ad uscire di casa. Se il cane inizia a camminare al guinzaglio senza problemi, fagli fare un paio di passi e dagli un premio.

Quando lo fai, tieni il premio ad altezza ginocchio perché lo aiuterà a rimanere in contatto visivo con te durante la passeggiata.

Se, al contrario, sta fermo e rifiuta di camminare, allontanati un po’ da lui e fagli vedere il premio. Vedrai che correrà subito da te. Basterà ripetere più volte questa occasione e pian piano capirà che “conviene” seguirti.

Se il tuo cucciolo non è addestrato, comincia gradualmente, pochi minuti al giorno altrimenti la sua attenzione finirà presto.

Scegli un luogo tranquillo e privo di distrazioni. Inizia camminando descrivendo un cerchio e invitalo a seguirti. Se si ferma a fiutare qualcosa o perché attratto da qualcuno, fermati e lascialo fare per un attimo. Poi richiama la sua attenzione (con un “vieni” o con un premio) e riprendi la passeggiata.

Se il cucciolo al guinzaglio iniziasse a tirare, fermati. Dopo un po’ dovrebbe smettere di tirare e guardarti come per capire cosa deve fare. In quel momento puoi premiarlo con un “bravo!” e riprendere a camminare.

Alterna questi momenti di “istruzione” a momenti di gioco. Volendo puoi liberarlo, naturalmente se il luogo in cui sei lo permette senza doverlo rincorrere per ore!

Insegna al cane a seguirti quando è al guinzaglio

Un buon insegnamento è quello di tenere la sua attenzione su di te evitando così di interessarlo alle mille distrazioni. Questa istruzione è chiamata “tenerlo al piede“.

Consiste nel farlo camminare al tuo fianco e far sì che ti guardi ogni volta che lo chiami. Dovrete quindi camminare di pari passo.

Per farlo, ricorriamo sempre ai nostri amati premietti. Mentre vai al guinzaglio, chiamalo e mostragli il premio. Chinati un po’ in avanti con la mano alla sua altezza e fagli fiutare il premio ma trattienilo in mano affinché non lo addenti.

Fagli fare qualche passo, poi mollagli il premio elogiandolo con il classico “bravissimo!”. Questa operazione renderà più “interessante” la passeggiata.

Ripeti l’operazione diverse volte, fino a quando non si abituerà a guardarti quando lo chiami. Quando ti cammina al fianco dì “piede”. Questo servirà a fargli associare che quando pronunci quella parola deve camminarti accanto.

Ogni tanto fai una pausa, fermati e comandagli di stare “seduto”. Poi riprendi.

Se il cucciolo al guinzaglio resta indietro o ti cammina davanti, fermati per riprendere quando sarà di nuovo attento.

Sii paziente. Il cane non impara a stare al guinzaglio in un giorno. Piuttosto sii costante nell’applicare questi suggerimenti di come abituare il cane al guinzaglio.

Non scoraggiarti e sfrutta questi insegnamenti per stare con lui.

Se questi suggerimenti di come abituare il cane al guinzaglio non dovessero funzionare o semplicemente se dovessi faticare ad addestrarlo, puoi informarti per qualche addestratore cinofilo della tua zona.

Cerchi un appendi guinzaglio originale? Guarda questi originalissimi appendi guinzaglio personalizzati fatti a mano.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia un commento